Archivio del Novembre, 2009

Tutorial

Con il termine Tutorial si intende un prodotto didattico solitamente rivolto a competenze di tipo tecnico: l’utilizzo di uno strumento, l’applicazione di una procedura.

In genere un Tutorial riguarda un argomento specifico ed è di veloce fruizione, oppure è suddiviso in elementi più piccoli di contenuto autonomo: questo perché, dato il carattere pratico di quanto si apprende, ogni utente, a seconda delle sue competenze precedenti, potrebbe essere interessato solo a risolvere determinati problemi e non a rivedere tutta la materia.

Il Tutorial può comprendere sia spiegazioni (con l’uso di testi, immagini, animazioni, filmati – a seconda degli strumenti a disposizione e della materia trattata), sia esercitazioni, particolarmente importanti per verificare di saper svolgere le operazioni indicate prima di applicarle in contesti reali. Proprio per questo nei Tutorial è molto significativo l’uso dell’interattività, specialmente attraverso simulazioni.

La modalità Tutorial è utilizzata soprattutto nell’ambito del supporto alla performance, come strumento a cui ricorrere just in time nel momento in cui si ha bisogno di colmare una lacuna per riuscire ad affrontare un problema con successo. Le apparecchiature mobili (cellulari, palmari) sono spesso il mezzo ideale per fruire di questi oggetti didattici ovunque ci si trovi e quando se ne ha effettivamente bisogno.

Add comment Novembre 26th, 2009

Thread

Il termine inglese thread si traduce letteralmente come “filo”. All’interno di strumenti di dialogo in rete, quali mailing list, newsgroup, forum, indica un “filo conduttore” della discussione. In ognuno di questi ambienti, infatti, pur esistendo un tema generale da approfondire, nel corso del dibattito emergono temi più specifici che catturano l’interesse dei partecipanti. Perciò, mentre alcuni interventi non hanno nessun seguito, altri provocano numerose repliche. L’insieme di un messaggio e di tutte le sue repliche (con le repliche alle repliche, e così via) costituisce tecnicamente un thread.

Non sempre, naturalmente, un thread molto sviluppato contiene argomenti effettivamente rilevanti: a volte si tratta semplicemente di scambi polemici tra singoli utenti, di scarso interesse per il gruppo o per un lettore esterno.

Specialmente quando questi strumenti di dialogo sono gestiti attraverso pagine web, esistono diverse funzioni che aiutano l’utente ad identificare rapidamente i temi più discussi. Accanto al titolo dell’intervento che ha dato origine ad un thread si trova l’indicazione, con immagini o testo, della presenza di repliche e del loro numero; a questo si aggiungono altre informazioni utili, quali la data di inizio del thread e la data della replica più recente.

Add comment Novembre 17th, 2009

Tassonomia

Il termine tassonomia (dal greco taxis:ordine e nomos: regole) indica una struttura gerarchica che permette di organizzare i concetti che costituiscono l’insieme della conoscenza propria di in un determinato ambito (luoghi, eventi, conoscenze, oggetti animati…) al fine di migliorare l’analisi e/o il reperimento di informazioni. La struttura della tassonomia fornisce gli strumenti per identificare e classificare nuovi concetti aggiunti in seguito avendo anche a disposizione un’idea delle relazioni che intercorrono tra l’uno e l’altro. Le categorie di un buon sistema di classificazione possiedono le seguenti caratteristiche: mutua esclusione, le categorie non devono sovrapporsi; non ambiguità, i contenuti devono essere chiari e precisi; accettabilità, le categorie devono essere logiche; esaustività ed utilità. La tassonomia è una rappresentazione della realtà necessaria per migliorare la conoscenza del campo oggetto di studio e per poter accertare la confrontabilità di oggetti differenti. Ove possibile, l’impiego di criteri di classificazione consolidati e condivisi tra il maggior numero di soggetti competenti garantisce maggior condivisione dei risultati.

Add comment Novembre 12th, 2009

Tag Cloud

Con il termine Tag Cloud (in italiano “nuvola di tag”) si intende una rappresentazione visiva delle “parole chiave” utilizzate nei contenuti di un sito web. Le parole chiave o etichette (tag) sono uno strumento fondamentale che permette agli autori di un sito di classificare i contenuti pubblicati e agli utenti di recuperare tutto quello che un sito offre su un determinato argomento di loro interesse. Le maggiori applicazioni del tagging (etichettatura) sono nei blog e nei siti di condivisione di contenuti multimediali (foto, musiche, video).

La tag cloud mostra tutte le tag utilizzate nei contenuti del sito, attribuendo un carattere più grande a quelle più utilizzate. Una tag cloud quindi solitamente è costituita da una serie di parole chiave in ordine alfabetico, ciascuna di grandezza diversa a seconda dell’importanza.

Grazie alla tag cloud l’utente ha un’immediata percezione delle tipologie di argomenti trattati nel sito ma anche della rilevanza di ciascun argomento. Spesso nelle tag cloud le parole chiave sono cliccabili e permettono di visualizzare tutta la lista dei contenuti classificati sotto quella voce.

Le tag cloud sono quindi un nuovo strumento efficace a servizio della condivisione di contenuti sul Web.

Add comment Novembre 3rd, 2009


Temi

Calendario interventi

Novembre 2009
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Link

Archivi