Archivio del Ottobre, 2009

Streaming

Con l’espressione streaming si intende un sistema che permette di inviare attraverso Internet video e suoni digitali sotto forma di un flusso continuo di dati. In questo modo l’utente non è costretto ad aspettare il tempo necessario per ricevere sul suo computer un file di grandi dimensioni (a volte si tratta di parecchi minuti) per vederne il contenuto, ma può visualizzarlo poco alla volta durante il trasferimento stesso. Se non ci sono disturbi nella trasmissione del flusso di dati, l’utente ha l’impressione di vedere/ascoltare l’evento “in diretta”.

La tecnologia streaming rende possibile la trasmissione di audio e video in tempo reale, consentendo, quindi, applicazioni come la telefonia, la radiofonia e la televisione via Internet. Per utilizzarla in modo efficace sono comunque necessari computer abbastanza aggiornati e una connessione ad Internet non troppo lenta, mentre a livello di software si possono utilizzare programmi scaricabili gratuitamente dal Web.

Add comment Ottobre 28th, 2009

Spamming

La parola di questa settimana è Spamming. Con il termine spamming si intende un uso distorto della comunicazione via Internet, che consiste in genere nell’utilizzare indirizzi e-mail altrui, reperiti su siti Web, o all’interno di forum e newsgroup, per inviare messaggi pubblicitari o “catene di S.Antonio”. La parola deriva da un vecchio sketch comico dei Monthy Python, in cui “Spam”, una marca di carne in scatola, veniva riproposta ossessivamente: da allora spam è diventato sinonimo di pubblicità invadente.

La diffusione del fenomeno spamming è tale da creare un danno considerevole agli utenti del Web, che sono costretti a perdere tempo per selezionare e cancellare dalla propria casella di posta grandi quantità di messaggi indesiderati, per riuscire a distinguere i messaggi utili ricevuti da colleghi o conoscenti. Per riuscire ad arginare il problema e a filtrare in modo automatico questi messaggi spesso si è costretti ad acquistare specifici software antispam. Funzionalità anti-spamming sono sempre più spesso integrate negli antivirus più conosciuti.

Uno degli effetti più gravi dello spamming è quello di scoraggiare la comunicazione e la collaborazione in rete, generando diffidenza: comunicare ad altri il proprio indirizzo e-mail è sempre più un rischio, perché potrebbe essere utilizzato in modo sbagliato; al tempo stesso, le aree dedicate alla comunicazione sul Web sono spesso invase da questo genere di messaggi, che ostacolano lo sviluppo di una discussione su temi di reale interesse per gli utenti.

Anche a livello legislativo negli ultimi anni ci si è mossi per combattere il fenomeno con specifici provvedimenti; in Italia questo è avvenuto nell’ambito delle norme sulla Privacy e grazie all’attività del Garante, che ha portato in diversi casi a sanzioni contro aziende responsabili di comunicazioni invadenti verso gli utenti della rete.

Add comment Ottobre 22nd, 2009

Social Software

Il termine Social Software si riferisce all’insieme di applicazioni software che permettono agli utenti di Internet di incontrarsi, comunicare, condividere risorse e collaborare on line. Nella definizione di Social Software sono compresi quindi molteplici modelli di interazione, basati sulla comunicazione mediata dal computer, che possono offrire di volta in volta i tool di collaborazione e condivisione più adeguati al singolo contesto. Gli utenti hanno a disposizione infatti software e ambienti virtuali che supportano diverse tipologie di interazione e comunicazione on line: “uno-a-uno” (e-mail, instant messaging, ecc.), “uno-a-molti” (blog), “molti-a-molti” (wiki).

Il Social Software è strettamente collegato alla dimensione delle comunità virtuali e al modello comunicativo “bottom-up”, in base al quale i processi di comunicazione e condivisione avvengono tra pari ovvero tra utenti della rete che si trovano nella medesima posizione e collaborano alla costruzione di significati condivisi. Questa logica è quindi opposta a quella “top-down”, che prevede, al contrario, l’esistenza di un’autorità comunicativa esterna e superiore che definisce rigidamente ruoli e meccanismi di interazione tra utenti.

Il termine Social Software di conseguenza non ha solamente una connotazione tecnica, ma anche e soprattutto ideologica, dal momento che intende promuovere la dimensione sociale e collaborativa della rete.

Il Social Software ha dato origine a molteplici strumenti di comunicazione e interazione basati si modalità di collaborazione sincrona e asincrona (chat, forum, videoconferenza, blog, wiki, ecc.)

Add comment Ottobre 13th, 2009

Social Bookmarking

Il termine Social bookmarking (da Bookmarks = Segnalibri o Preferiti ) indica un sistema di catalogazione dei siti che permette di linkare, strutturare e condividere con amici o colleghi, tutto quello che di interessante si trova durante la navigazione.

Un programma di Social bookmarking permette di segnalare come “preferito” qualsiasi tipo di contenuto, sito web, articolo o risorsa che si trova online.

Una volta installato un sistema operativo o un browser, basta un click per segnalare una risorsa ed inserirla tra i preferiti. Dopo il click, il programma salva automaticamente l’URL ed il titolo della risorsa, mentre chiede una breve descrizione e quante categorie associare a ciascuna risorsa.

Brevi commenti e segnalazioni aiutano ad identificare meglio il bookmark di quanto non lo facciano l’indirizzo oppure il titolo della pagina.

A questo punto, si generano automaticamente delle liste di documenti online e siti che sono visti e/o filtrati istantaneamente da altri. Per vedere le raccolte di link di altri, basta iscriversi alle liste delle persone che interessano.

Add comment Ottobre 7th, 2009


Temi

Calendario interventi

Ottobre 2009
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Link

Archivi